+39 0862 433012 / 433073
Fax: +39 0862433089
cetemps@strutture.univaq.it

Seminari

Mar
2
gio
Vincenzo Mazzarella: “Comparison between 3D-Var and 4D-Var data assimilation methods: preliminary results” @ Sala Riunioni, 1° Piano Coppito 1
Mar 2@12:00–12:45

12314111_10207829493285811_2748399350509317672_n

ABSTRACT

The aim of the modern data assimilation systems is to provide the best estimate of the initial conditions, a requirement for an accurate weather forecast, through the use of huge amount of data acquired in situ or by remote-sensing. In the last years, the classical assimilation schemes, such as optimum interpolation (OI) or successive correction method (SCM), have been replaced by modern techniques with variational approach, 3D-Var and 4D-Var. The latters determine the best estimate of the atmospheric state at initial time, through the minimization of a cost function, which reduces the gap between observations and the trajectory forecasted by the model. This work aims to provide a comparison between three dimensional and four-dimensional variational data assimilation methods (3D-Var and 4D-Var) for a heavy rainfall case in central Italy. To evaluate quantitative precipitation forecasts (QPF), reflectivity and radial velocity acquired from Monte Midia Doppler radar are assimilated into the Weather Research Forecasting (WRF) model. All simulations are compared in terms of rainfall forecast and precipitation measured by the gauges through a traditional approach and an object-based method.

Biografia.

Vincenzo Mazzarella is a PhD student in the Department of Science and Technology of the University of Naples “Parthenope”. His research interest is focused on the assimilation of weather radar data and conventional observations from the Global Telecommunication System (GTS) in order to improve the quantitative precipitation forecast (QPF).

Mar
9
gio
Dott.ssa Sabrina Gentile: risultati preliminari WRF-Solar @ Sala Riunioni, 1° Piano Coppito 1
Mar 9@11:00–12:00
Mar
16
gio
Dott. Carlo Bosna: “Scrivere per l’Internet” @ Sala Riunioni , 1° Piano Edificio "Renato Ricamo"
Mar 16@11:00–11:45

15000194_1000450183400398_6474110918863502231_o

 

ABSTRACT

L’interattività è l’essenza dell’Internet, la differenza tra scrivere su carta e sulla Rete è infatti la stessa che passa tra il nome (statico) e il verbo (dinamico).

Cambia il concetto di lettura e scrittura, oggi si digita e si clicca con la tastiera e si legge su uno schermo e si scrive in profondità.

Lo scrittore on line costruisce il testo: è un architetto dei suoi contenuti e lo stile giornalistico è uno dei “modi di scrivere” che si adattano più facilmente alla comunicazione on line.

Biografia.

Carlo Bosna è ricercatore di Diritto Pubblico presso l’Università degli Studi Guglielmo Marconi di Roma, dottore di Ricerca in “Progettazione e valutazione di processi formativi” presso la Facoltà di Scienze della Formazione dell’Università degli Studi Aldo Moro di Bari e specializzato in Comunicazione e Pubbliche Relazioni. Giornalista pubblicista dal 1993, collabora con giornali locali e Istituzioni nazionali, oltre a svolgere attività di consulenza nel settore della comunicazione e turismo.

Mar
23
gio
Il modello idrologico CHyM @ Sala Riunioni, 1° Piano Coppito 1
Mar 23@11:00–11:45
Mag
11
gio
Dott. Carlo Bosna @ Sala Riunioni , 1° Piano Edificio "Renato Ricamo"
Mag 11@11:00–11:45
Giu
5
lun
4th OpenIFS user meeting @ The Abdus Salam International Centre for Theoretical Physics
Giu 5@9:00–Giu 9@14:00

 

OpenIFS è un progetto di promozione ECMWF  che fornisce una versione del modello previsionale ECMWF ad università ed istituti di ricerca.

Il 4° workshop OpenIFS è un’opportunità per conoscere al meglio il sistema modellistico ECMWF e per entrare in contatti con scienziati della comunità OpenIFS.

Il tema scientifico del workshop sarà:  “Atmospheric Variability: Seasonal Predictability and Teleconnections” con ‘keynote presentations’  e contributi dei partecipanti.

L’evento prevede sessioni pratiche di utilizzo del modello previsionale ECMWF ed è rivolto in particolare a studenti e giovani ricercatori.

Locandina dell’evento