+39 0862 433012 / 433073
Fax: +39 0862433089
cetemps@strutture.univaq.it

Chi siamo

Chi siamo

CETEMPS

Il CETEMPS promuove e coordina l’attività di ricerca nelle aree di previsione meteorologica a breve e lungo termine, della previsione idrologica, del telerilevamento da terra e da piattaforme aeree e satellitari e nel campo della osservazione e previsione della composizione chimica dell’atmosfera. Il CETEMPS sviluppa collaborazioni con enti pubblici e privati e aziende che svolgono attività di ricerca affini al settore,  contribuisce alle attività didattiche relative a Scuole di specializzazione, corsi di perfezionamento, lauree specialistiche e dottorati di ricerca. Il CETEMPS organizza seminari, conferenze a carattere scientifico e didattico, ricercando collegamenti con analoghe strutture in Italia e all’estero e provvede alla pubblicazione e alla diffusione dei risultati conseguiti nelle ricerche.

Modellistica meteorologica

L’attendibilità dei modelli meteorologici, strumento essenziale per comprendere e prevedere la dinamica atmosferica, è migliorata negli ultimi anni specialmente con l’uso dei modelli ad alta risoluzione. Una buona previsione è un supporto essenziale a livello decisionale per la diramazione tempestiva delle allerta da parte della Protezione Civile in caso di rischio idrogeologico per precipitazioni abbondanti. Il CETEMPS ha adattato al territorio italiano il modello meteorologico ad area limitata WRF-ARW ed effettua giornalmente due corse di previsioni meteorologiche sull’Italia con una risoluzione di 3 km.

Modellistica climatica

Al CETEMPS, modelli atmosferici di circolazione generale a scala globale vengono utilizzati per individuare le cause ed i meccanismi dei cambiamenti climatici in atto. L’uso di modelli climatici a scala regionale permette inoltre la produzione di previsioni a scala stagionale sul bacino del Mediterraneo e lo studio della distribuzione statistica di eventi meteorologici estremi.

Modellistica idrologica

L’accoppiamento di modelli idrologici con modelli meteorologici o climatici ha due importanti aspetti applicativi, da un lato la possibilità di prevedere i possibili pericoli di esondazione conseguenti ad eventi meteorologici severi, dall’altra la possibilità di studiare in dettaglio le modificazioni che i cambiamenti climatici inducono sul ciclo idrologico e sui sistemi ambientali ad esso connessi. Nell’ambito delle attività di ricerca del CETEMPS un’attività particolarmente rilevante è stata lo sviluppo di un nuovo modello di simulazione idrologica chiamato CHyM (Cetemps Hydrological Model).

Modellistica chimica atmosferica

Nell’ambito di collaborazioni internazionali, il CETEMPS contribuisce allo sviluppo di alcuni “community models” che risolvono i processi di dispersione e trasformazione chimica in atmosfera e applica gli stessi modelli per studiare l’effetto delle emissioni antropiche e naturali sui livelli di qualità dell’aria, sulla formazione delle nubi e sul bilancio radiativo terrestre. Il CETEMPS ha anche sviluppato un sistema operativo di previsione del “tempo chimico”, basato sul modello meteorologico statunitense WRF e sul modello di chimica e trasporto francese CHIMERE.

Telerilevamento da terra

Le osservazioni, effettuate con strumenti di telerilevamento al suolo,  permettono un monitoraggio continuo delle condizioni atmosferiche in  aree specifiche. Nell’ambito del telerilevamento da terra il CETEMPS si  occupa di radarmeteorologia, radiometria a microonde e sensoristica  lidar e spettrofotometrica. Lo sviluppo di adeguati metodi di inversione  delle misure telerilevate consentono la stima delle proprietà  termodinamiche dell’atmosfera e della composizione di aerosol, nubi e  precipitazioni. CETEMPS gestisce, oltre all’Osservatorio Atmosferico, un  radar meteorologico che permette il monitoraggio continuo ad alta  risoluzione spaziale di fenomeni precipitativi e temporaleschi su buona  parte dell’Italia centrale e, in particolare, sull’Abruzzo.

Telerilevamento da satellite

Le osservazioni satellitari stanno assumendo sempre maggiore importanza nel campo delle scienze dell’atmosfera e dell’oceano. Il CETEMPS ha sviluppato e testato un sistema di monitoraggio del tasso di precipitazione da osservazioni satellitari, ottenuto processando in tempo reale i dati osservati dal satellite geostazionario Meteosat Second Generation (MSG) e contemporaneamente della rete dei radar meteorologici nazionale. Inoltre è in atto un lavoro di ricerca per il tracciamento e monitoraggio delle ceneri vulcaniche.

Osservatorio atmosferico

Il monitoraggio dell’atmosfera viene effettuato mediante diversa strumentazione. Tra i principali apparati di misura possiamo annoverare una stazione per il radiosondaggio, due Lidar Raman e un fotometro solare, inserito nella rete internazionale AERONET. Il primo misura i profili verticali di temperatura, pressione, umidità relativa e concentrazione di ozono tramite strumentazione su palloni sonda. I LIDAR Raman, costruiti “in-house”, forniscono i profili della concentrazione degli aerosol, vapor d’acqua e di acqua liquida delle nuvole ed infine il fotometro solare da misure colonnari dettagliate sugli aerosol, in modo automatico e 24/7.

Osservazione composizione atmosferica

Il CETEMPS ha sviluppato il sistema LIF (Laser Induced Fluorescence) che permette la misura diretta del biossido di azoto utilizzando la tecnica della fluorescenza indotta da laser ed è stata effettuata l’installazione di una stazione di misura della qualità dell’aria e della sua composizione ad alta quota nella località di Campo Imperatore (2388m).

Il Center of Excellence Telesensing of Environment and Model Prediction of Severe events (di seguito denominato CETEMPS) è stato istituito con decreto ministeriale (D.M.) del 02.04.2001 n. 81. Il CETEMPS è in attività dal 01.06.2001 con Regolamento istituzionale emanato con decreto rettorale (D.R.) n. 201-0269 del 02.07.2001 (successivamente modificato dal D.R. n. 18 del 08.01.2013).

Il CETEMPS promuove e coordina l’attività di ricerca nelle aree di previsione meteorologica a breve e lungo termine della previsione idrologica del telerilevamento da terra e da piattaforme aeree e satellitari e nel campo della previsione e misura dell’atmosfera. Il CETEMPS coordina ed esegue attività di ricerca e consulenza stabilite mediante contratti e convenzioni con Istituzioni ed Enti pubblici e privati, secondo quanto disposto dalla normativa vigente e dai Regolamenti di Ateneo nell’ambito dei settori di ricerca predetti. Al fine di stabilire le basi per una sempre maggiore competitività e per l’autofinanziamento, il CETEMPS sviluppa collaborazioni con enti pubblici e privati e aziende che svolgono attività di ricerca affini al settore. Il Centro contribuisce alle attività didattiche relative a Scuole di specializzazione, corsi di perfezionamento, lauree specialistiche e dottorati di ricerca. Il CETEMPS organizza seminari, conferenze a carattere scientifico e didattico, ricercando collegamenti con analoghe strutture in Italia e all’estero e provvede alla pubblicazione e alla diffusione dei risultati conseguiti nelle ricerche.

Oggi, dopo oltre 14 anni di attività e con i suoi oltre 40 afferenti, il CETEMPS si può considerare un centro di eccellenza della ricerca di base e applicata su temi meteo-idro-climatici a livello regionale, nazionale e internazionale. Il centro ha due punti su cui fa leva per le proprie attività: a) sinergia tra tecniche di telerilevamento e modellistica numerica; b) interdisciplinarietà tra fisica ambientale e ingegneria dell’informazione. Il CETEMPS è centro di competenza di protezione civile per Regione Abruzzo e il Dipartimento della Protezione Civile (DPC) nazionale, organizza una rinomata scuola estiva internazionale ogni 2 anni (ISSAOS, arrivata alla sua XII edizione nel 2016), fornisce un servizio di supporto all’osservazione e previsione idrometeorologica della Regione Abruzzo da oltre 15 anni, realizza ogni giorno il servizio di previsione meteorologiche per la televisione RAI3 e la radio Radio1-RAI da oltre 8 anni.

La strumentazione

Nel settore delle osservazioni, il CETEMPS gestisce una rete notevole di strumentazione e di dati da telerilevamento da terra e da satellite: una stazione primaria di ricezione di dati Meteosat di Seconda Generazione, un radar meteorologico, un radar profilatore di vento, un radar acustico, radar ottici, una stazione di radiosondaggio e ozonosondaggio, stazioni meteo, rilevatori a fluorescenza indotta, radiometri e fotometri. La dotazione del CETEMPS include inoltre un centro di calcolo costituito da diverse architetture a multiprocessore dove vengono eseguite tutte le elaborazioni del Centro.

Le collaborazioni

Il CETEMPS ha sviluppato un’intensa collaborazione con il Dipartimento della Protezione Civile (DPC) e i corrispondenti uffici della Regione Abruzzo. E’ stato nominato centro di competenza del DPC e siede al tavolo tecnico della rete radar meteorologica nazionale. Inoltre, la Regione Abruzzo ha convenzionato al CETEMPS la fornitura di previsioni, la gestione dei radar del Centro Funzionale Regionale, nonché la preparazione e l’addestramento del personale.

Altre collaborazioni al livello nazionale riguardano l’Agenzia Spaziale Italiana (ASI) che ha incluso il CETEMPS in un progetto pilota sulla qualità dell’aria (Quitsat), in un progetto sulla previsione delle alluvioni (Nowcasting) e gli ha inoltre affidato l’assistenza meteorologica ai lanci di palloni stratosferici.

Per quanto riguarda collaborazioni al livello internazionale il CETEMPS partecipa a diversi progetti dell’European Space Agency (ESA) e dell’European Science Fundation (ESF).

Organizzazione del CETEMPS

Il CETEMPS gestisce e partecipa a progetti nazionali e internazionali per oltre 1 milione di euro annui che auto-finanziano in modo quasi completo le proprie attività non ricevendo fondi strutturali per il finanziamento e lo sviluppo da parte del Ministero e dell’Università dell’Aquila (questi fondi sono stati assicurati solo per i primi 3 anni fino al 2004). Il CETEMPS ha generato nel 2004 una piccola-media impresa di settore, denominata HIMET, che rappresenta una dinamica realtà che offre opportunità di lavoro in un settore dalle enormi potenzialità.

Negli oltre dieci anni di attività, i maggiori punti di forza del CETEMPS sono risultati i seguenti:

  • forti legami con alcune istituzioni locali e nazionali (Regione Abruzzo, ARTA, DPC);
  • partecipazione a progetti nazionali ed europei come ruolo anche di coordinatore;
  • interdisciplinarità tra attività in ambiti diversi, essenziale per la creazione di nuovi progetti e per attrarre studenti brillanti;
  • capacità di creazione di impresa a livello locale (e.g., HIMET s.r.l., L’Aquila, High Innovation in Meteorology and Environmental Technology, http://www.himet.it)

Sono organi del Centro:

  • il Direttore
  • il Consiglio del Centro (CdC),
  • il Comitato Tecnico-Scientifico (CTS).

Il ruolo di Direttore è stato ricoperto dal luglio 2001 a febbraio 2013 dal prof. Guido Visconti e dal prof. Frank S. Marzano dal 28.2.2013 (approvato con D.R. 318/2013), mentre l’attuale CdC con ruolo di gestione, organizzazione, amministrazione e programmazione è costituito dal Direttore e dai seguenti membri: prof. V. Rizi (vice-direttore), prof.ssa R. Ferretti, dott. D. Cimini, dott. P. Di Carlo, prof. G. Redaelli, dott. M. Verdecchia. La segretaria amministrativa del CETEMPS è la dott.ssa R. Rotesi coadiuvata da S. Marinangeli, S. Angelini e G. Colaiuda.

L’attuale CTS, nominato con D.R. 908/2013 del 18.06.2013 con ruolo di supervisione e indirizzo strategico, è costituito da: dott. P.P. Alberoni (presidente, ARPA-EMR), prof.ssa M.D. Di Benedetto (UNIVAQ), prof.ssa D. Dominici (UNIVAQ), prof. F. Graziosi (UNIVAQ), prof. S. Pierini (UniParthenope).

Ai fini organizzativi e funzionali e in base al Regolamento Organizzativo approvato in data 21.3.2013, sono previste un numero di Linee di Ricerca con relativo Coordinatore, nominato dal Direttore, in numero non inferiore a 8 (otto) e le seguenti 4 (quattro) Commissioni, costituite da almeno 1 (uno) membro del CdC e un afferente al Centro:

  • Commissione Disseminazione (Sito di Rete, Servizi previsionali);
  • Commissione Didattica (Scuola Estiva ISSAOS, Seminari CETEMPS);
  • Commissione Personale (Valutazione Afferenze, Relazione Annuale);
  • Commissione Pianificazione (Piano di spesa, bilanci, rapporti).

Le attività di ricerca del CETEMPS fanno riferimento, come detto, alle linee di ricerca, ognuna coordinata da un responsabile, membro del Consiglio del Centro. Queste attività interagiscono fortemente fra di loro e richiedono osservazioni sperimentali molto sofisticate ed intense. Si tratta pertanto di operare strumentazione costosa e in molto casi da sviluppare nei laboratori del CETEMPS. Si ritiene, pertanto, che una delle principali attività del CETEMPS riguarderà lo sviluppo e l’aggiornamento di strumentazione avanzata includendo in questo anche reti e mezzi di calcolo.